Obiettivi Formativi

Obiettivo formativo del corso è la preparazione di laureati magistrali con un’elevata capacità di analisi, interpretazione e gestione dei fenomeni sociali nelle società multiculturali. Il corso fornisce competenze nei diversi settori delle politiche di welfare e della mediazione interculturale.

Gli obiettivi formativi del corso sono:

–          possedere una conoscenza approfondita delle teorie del servizio sociale e una capacità di utilizzo e sperimentazione di metodologie avanzate e innovative di servizio sociale;

–          possedere una conoscenza approfondita delle discipline sociologiche, del servizio sociale, antropologiche, economico-statistiche, etico-filosofiche, giuridiche, politiche, pedagogiche, psicologiche e storiche;

–          possedere una buona conoscenza di discipline affini a quelle di servizio sociale anche in relazione a specifici settori di applicazione;

–          possedere competenze metodologiche approfondite di ricerca sociale, relative al rilevamento e al trattamento dei dati e alla comprensione del funzionamento delle società complesse, anche in specifici settori di applicazione;

–          possedere competenze per la decodifica di bisogni complessi delle persone, delle famiglie, dei gruppi e del territorio, per la formulazione di diagnosi sociali, per il counseling psico-sociale, per interventi di mediazione negli ambiti familiare, minorile, sociale e penale, per la gestione e l’organizzazione di risorse sia in ambito pubblico che di privato sociale;

–          possedere competenze per progettare sistemi integrati di benessere locale e attivare e gestire, in ambito nazionale e internazionale, programmi di informazione, sensibilizzazione, responsabilizzazione, concertazione e protezione sociale di gruppi e comunità, a tutela dei loro diritti sociali;

–          possedere abilità di progettazione, pianificazione, organizzazione e gestione manageriale nel campo delle politiche, dei servizi sociali e socio sanitari, pubblici e di privato sociale; di analisi e valutazione di qualità dei servizi e delle prestazioni svolte;

–          possedere adeguate competenze per la comunicazione e la gestione dell’informazione;

–          possedere esperienze qualificanti in rapporto a specifiche aree di intervento e ad obiettivi di formazione attinenti alla classe;

–          essere in grado di utilizzare almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano, con riferimento anche a lessici disciplinari.