Tirocini

TIROCINIO
Il tirocinio è un’attività formativa che si svolge normalmente alla fine del proprio percorso di studi. Mira a far acquisire allo studente capacità e competenze operative, permettendogli di sperimentare i modelli teorici e gli schemi concettuali appresi.

TRIENNALE(L-39/L-40)
Il Tirocinio si svolge a partire dal terzo anno accademico differenziandosi a seconda dell’indirizzo scelto.

SERVIZIO SOCIALE (L-39)
Monte Ore 375 h. (15 CFU)
Per quanto riguarda Servizio Sociale il tirocinio è professionalizzante, cioè propedeutico all’esame di stato, necessario per iscriversi all’Ordine degli Assistenti Sociali (Albo B).
Proprio per questo motivo le attività dovranno essere svolte in affiancamento ad un assistente sociale che, in qualità di supervisore, sarà guida e garante del corretto adempimento dell’obbligo formativo.
Le ore di tirocinio previste sono 375, pari a 15 CFU.
Queste dovranno essere svolte presso un ente o un servizio del territorio che si occupa di assistenza in ambito sociale o sanitario (terzo settore, enti o strutture riconosciute o accreditate facenti capo al Servizio Sanitario Nazionale, Comuni, Ambiti Territoriali Sociali, ecc.) previa conferma della stipula di una convenzione tra ente e Università.
Per poter accedere al tirocinio è richiesto allo studente il superamento dell’esame di Attività Formative per il Tirocinio (referente Prof.ssa Giacconi), avente l’obiettivo di preparare il futuro tirocinante nell’inserimento all’interno dell’organizzazione scelta, garantendone l’effettiva idoneità.

SOCIOLOGIA (L-40)
Monte Ore 450 h. (18 CFU)
Per quanto riguarda il curriculum in Sociologia, le ore di tirocinio sono 450, pari a 18 CFU.
L’obiettivo è quello di approfondire e sperimentare tecniche e modalità di studio e di ricerca affrontate durante il triennio.
Per lo svolgimento del tirocinio non è richiesto il superamento di nessun esame.
Le modalità di adempimento di tale monte ore sono 3:
1. Attività presso un ente previa conferma convenzione. L’ente in questione dovrà prevedere attività di ricerca da far svolgere allo studente richiedente, preferibilmente con la supervisione di un sociologo. (Terzo Settore, Osservatori, Centri di Ricerca, Comune, Regione, Organizzazioni, ecc.)
2. Affiancamento di un docente nell’attività di ricerca in qualità di ricercatore junior. In questo caso lo studente potrà proporre a un docente un suo progetto di ricerca oppure collaborare a progetti di ricerca avviati e coordinati dal professore di riferimento.
3. Conseguimento di una parte di tirocinio in esami per un massimo di 12 CFU complessivi. Adempimento dei restanti 6 CFU (150 ore) come indicato nel punto 1 o 2.

MAGISTRALE (LM-87)
La laurea magistrale LM-87 è una laurea specialistica in servizio sociale, strutturata secondo due diversi percorsi: Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (GEPSS) e Mediazione Interculturale (MI). Entrambi gli indirizzi si concentrano sullo studio e l’analisi delle Politiche Sociali, pur mantenendo ognuno le proprie peculiarità: mentre il primo si focalizza sull’aspetto della progettazione e valutazione dei servizi e degli interventi sociali, il secondo si concentra sull’analisi della società multiculturale, con particolare attenzione alle relazioni interculturali.

GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI
Monte Ore 250 h. (10 CFU)
Il tirocinio ha carattere professionalizzante in quanto requisito necessario per l’esame di stato e quindi per l’accesso all’Ordine degli Assistenti Sociali (Albo A). La differenza tra Albo A e Albo B sta nei differenti mandati professionali attribuiti al futuro assistente sociale. Gli assistenti sociali di Albo A possono svolgere funzioni di coordinamento e programmazione delle politiche e degli interventi sociali, pertanto le mansioni richieste nel periodo di tirocinio saranno di tipo gestionale e di progettazione sociale.
Lo studente nella maggior parte del suo monte ore dovrà affiancare un assistente sociale (preferibilmente di Albo A) che svolga all’interno dell’ente o del servizio scelto un ruolo di coordinamento e/o di programmazione in modo da concretizzare i modelli teorici e le tecniche apprese durante il corso di studi.
Nello specifico le modalità di svolgimento previste sono:
1. Attività presso un ente e/o servizio previa stipula di convenzione (Terzo Settore, enti o strutture riconosciute o accreditate facenti capo al Servizio Sanitario Nazionale, Comuni, Ambiti Territoriali Sociali, ecc.).
2. Attività di ricerca in materia di progettazione sociale in affiancamento a un docente della Scuola o presso un ente (anche all’interno di singoli progetti regionali, nazionali o internazionali – es: Erasmus Plus) per un massimo di 150 ore. Le restanti 100 ore dovranno comunque essere svolte all’interno di un ente o un servizio del territorio nelle modalità previste al punto 1.

SCIENZE SOCIALI E MULTICULTURALITÀ
Monte Ore 250 h. (10 CFU)
Questo curriculum offre la possibilità di approfondire gli strumenti teorici e operativi di ricerca e progettazione sociale in ambito più specificatamente multiculturale. Nonostante la laurea sia in Servizio Sociale, questo curriculum, per gli obiettivi formativi che si pone, non impedisce allo studente di spendere il suo monte ore in un tirocinio senza il vincolo dell’affiancamento ad un assistente sociale.
Nello specifico, le modalità di svolgimento previste sono:
1. Attività presso un ente e/o servizio previa stipula di convenzione (Terzo Settore, enti o strutture riconosciute o accreditate facenti capo al servizio sanitario nazionale, comuni, Ambiti Territoriali Sociali, ecc..).
2. Attività di ricerca in materia di progettazione sociale in affiancamento a un docente della Scuola o presso un ente (anche all’interno di singoli progetti regionali, nazionali o internazionali – es: Erasmus Plus).
3. Svolgimento di una parte del tirocinio con le modalità previste al punto 1 e parte con le modalità previste al punto 2.
Qualora lo studente voglia diventare un assistente sociale ed iscriversi all’Albo, dovrà conseguire un tirocinio professionalizzante come nel caso, sopra descritto, del curriculum in Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali.

ITER
Scelta dell’ente: è possibile consultare il database dell’Ateneo contenente tutti i possibili enti o servizi già convenzionati nella sezione “Aziende Convenzionate” del sito Uniurb.
Oppure lo studente potrà consultare le ultime proposte in arrivo nella sezione “Proposte di Tirocinio”.
Invece, nella sezione “Opportunità e bandi” sono presenti le proposte di tirocinio offerte all’Ateneo, pre o post
laurea, sia in Italia che all’estero.

Stipula della convenzione:laddove manchi la convenzione con l’ente è comunque possibile richiederla. Lo studente dovrà prima prendere i contatti con l’ente scelto, poi chiedere alla segreteria didattica (referente tirocini Elisabetta Fabi) di inviare la richiesta di convenzione all’ufficio preposto dell’ente.

Definizione del progetto: ogni singola proposta di tirocinio fa riferimento ad un progetto definito in partenza col soggetto ospitante.
• Per quanto riguarda l’attività presso un ente si dovrà stipulare un accordo tra lo studente, il docente responsabile dei tirocini (prof.ssa Giacconi o prof. Alfieri) e il supervisore (il referente dell’ente scelto). La modulistica da compilare dovrà essere richiesta alla segreteria didattica (referente Elisabetta Fabi).
• Per quanto riguarda l’attività di ricerca in affiancamento ad un docente del nostro Ateneo, l’accordo dovrà essere stipulato tra il docente e il singolo studente.
La modulistica necessaria dovrà comunque essere richiesta alla segreteria didattica (referente Elisabetta Fabi), ma in questo caso dovrà essere accompagnata dalla stesura di un progetto di ricerca di 3/4 cartelle (da consegnare al momento della richiesta), dall’elaborazione di un diario di ricerca e una relazione finale di min. 15 cartelle sulle attività svolte (entrambi da consegnare a conclusione del periodo di tirocinio).

LO SAPEVI CHE …
• Puoi indirizzare il tirocinio in vista della stesura della tua tesi di laurea in modo da approfondire il tuo argomento di ricerca con dati raccolti di prima mano, attraverso la tua stessa esperienza. Il tirocinio in ogni caso non sostituirà le ore previste dal piano di studi per la prova finale ma sarà un importante valore aggiunto all’attività di studio e di ricerca relativa al progetto tesi.
• E’ possibile anticipare il tirocinio della laurea triennale al secondo anno, previa motivata richiesta al Consiglio di Scuola. Sarà quest’ultimo a decidere se approvare o meno la proposta.
• E’ possibile svolgere la propria di attività di tirocinio fuori dall’Italia. Se il paese scelto è membro dell’Unione Europea è possibile aderire ai programmi di Erasmus Plus, attraverso l’acquisizione di una borsa di studio specificatamente finalizzata a consentire lo svolgimento della propria esperienza di tirocinio al di fuori del paese di studio.
In generale lo studente può prendere singolarmente accordi con enti e organizzazioni estere e richiederne la convenzione. L’approvazione del progetto di tirocinio è rimandata al Consiglio di Scuola.
• La Scuola di Scienze Politiche e Sociali ha avviato un percorso di collaborazione con l’Ordine degli Assistenti Sociali anche per la formazione dei supervisori in modo da arricchire e qualificare l’esperienza di tirocinio in funzione degli obiettivi formativi richiesti.
• E’ possibile far riconoscere parte delle ore svolte durante il servizio civile dal Consiglio di Scuola a condizione che tale attività rispetti i requisiti sopra indicati, specifici per ogni corso di laurea.
• Gli studenti lavoratori, che svolgono la loro attività professionale in ambiti affini a quelli del percorso universitario scelto, possono:
1. richiedere il riconoscimento dell’attività lavorativa pregressa come tirocinio al Consiglio della Scuola al quale dovrà essere inviata una certificazione dell’attività svolta.
La mail di richiesta dovrà essere indirizzata al Consiglio della Scuola di Scienze politiche e sociali ed inviata al Presidente della Scuola Prof. Luigi Alfieri (luigi.alfieri@uniurb.it) e in Cc alla Referente Tirocini Elisabetta Fabi (elisabetta.fabi@uniurb.it).
. Per la laurea in Servizio Sociale sarà possibile fare tale richiesta solo se il lavoro svolto è stato fatto in affiancamento ad un assistente sociale.
2. conseguire il tirocinio presso il luogo di lavoro in orari differenti da quello lavorativo.
• In aggiunta al tirocinio previsto dal percorso di studi è possibile svolgere un tirocinio-tesi ai fini della stesura della tesi di laurea. In questo modo lo studente potrà svolgere un periodo di ricerca in strutture protette con copertura assicurativa. Le modalità di richiesta e di chiusura del progetto sono le stesse dei tirocini previsti nei piani di studio.

CONTATTI UTILI

Scuola di Scienze Politiche e Sociali
scuola.scienzepolitichesociali@uniurb.it

Luigi Alfieri – Presidente della Scuola di Scienze Politiche e Sociali
luigi.alfieri@uniurb.it

Elisabetta Fabi – Segreteria Didattica Scuola di Scienze Politiche e Sociali
elisabetta.fabi@uniurb.it – 0722 304642

Barbara Giacconi – Referente Tirocini L-39, LM-87
barbara.giacconi@uniurb.it

Luigi Alfieri – Referente Tirocini L-40
luigi.alfieri@uniurb.it

Barbara Giacconi – Docente di Attività Formative per il Tirocinio
barbara.giacconi@uniurb.it

Tutor Corsi di Sociologia e Servizio Sociale (Triennale e Magistrale)
tutor.sociologia@uniurb.it – 0722 305703

Tutor percorsi online
tutor.sociologiaonline@uniurb.it

Rappresentanti studenti della Scuola di Scienze Politiche e Sociali
Antonella Ciuffreda
a.ciuffreda1@campus.uniurb.it
Laura Vissani
l.vissani@campus.uniurb.it